Slide FanBox Google+

Scoperto allevamento abusivo, sequestrati 34 cani di razza

Sono Volpini di Pomerania, Alaskan Malamute e Pastori Shetland. Vivevano in condizioni precarie e con poco cibo e acqua

Ferrara, 4 maggio 2017 - Vivevano in condizioni igieniche precarie, con poco cibo e acqua e quasi nessuno stimolo sensoriale. Per questo la polizia provinciale, in collaborazione con il servizio veterinario dell’Ausl, ha sequestrato 34 cani di razza in un allevamento abusivo a Viconovo. Gli animali, tre Volpini di Pomerania, venti Alaskan Malamute e undici Pastori Shetland, quasi tutti sotto i due anni, sono stati affidati ai canili del territorio.

Skip Ad
Il proprietario del casolare nel quale venivano allevati i cani, un ferrarese di 47 anni, è stato denunciato per detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura. Per chi volesse prendere in affidamento i cani, dopo gli accertamenti sanitari che sono in corso, potrà chiamare lo 0532-299979 (comando polizia provinciale) dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13.

tratto da: http://www.ilrestodelcarlino.it

Incontri ravvicinati con...il lupo!



Lupo contro lupo, o quasi. Incontro da brividi per una signora veronese e il suo cane, una femmina di alaskan malamute, durante un’escursione in montagna nella zona di Rovereto: si sono trovate a tu per tu con un lupo. L’incontro è avvenuto sul monte Zugna, nei pressi del Sentiero delle trincee che si snoda lungo il versante rivolto verso la Val d’Adige a circa 1.200 metri di quota. Una zona di boschi costellata da resti della Grande Guerra, raramente battuta dagli escursionisti, frequentata solo da qualche appassionato di mountain bike che si cimenta lungo la ripida discesa dal rifugio.

Il racconto
«Erano le 16.30 circa ed eravamo sulla via del ritorno nel cuore del bosco», racconta E.M., 46 anni, sposata, due figli di 13 anni, «davanti c’ero io con Alaska, il nostro cane, al guinzaglio. Un centinaio di metri più indietro, mio marito con i ragazzi. Superata una curva, ho sentito provenire dalla parte in alto una sorta di latrato dal tono molto profondo, quasi un ringhio. Ho guardato Alaska ed era immobile, fissava un punto nel bosco. Ho cercato di capire cosa avesse attirato la sua attenzione ed ho intravisto scendere dal costone quello che al primo sguardo mi è sembrato un cane. Si è fermato ad una trentina di metri di distanza da noi. L’ho guardato meglio: aveva le zampe magre e lunghe, un corpo molto asciutto. Dalla taglia, dalla struttura e dal colore del pelo ho subito realizzato che non avevo certo davanti un cane ma un lupo».
«Il sangue mi si è raggelato. La nostra malamute si è bloccata come se si preparasse a scattare all’attacco. Era tutta protesa in avanti. I due animali si sono fissati per qualche istante. Ho tirato Alaska per il guinzaglio con tutte le forze che avevo ed ho cercato di trascinarla via risalendo di corsa il sentiero. Ho cominciato a gridare per chiamare gli altri ma erano rimasti indietro e non mi sentivano». «Sono riuscita a trascinare via Alaska di peso e a superare la curva», prosegue E.M., «per fare in modo che i due animali perdessero il contatto visivo. Oltrepassata la curva ho guardato verso la parte superiore del bosco ed ho visto il lupo risalire in alto tra gli alberi a grandi balzi. Era agile e scattante come una molla. In un attimo si è dileguato». 

da: http://www.larena.it/

Malamute Day 2017 - E.N.C.I. TV



GIUMELLO2017 - FOCUS - Malamute: Bambini e Alaskan Malamute



GIUMELLO2017 - FOCUS - Malamute: Sleddog



GIUMELLO2017 - FOCUS - Malamute: triathlon e trekking



GIUMELLO2017 - FOCUS - Malamute: weight pulling



GIUMELLO2017 - FOCUS - Malamute: Intervista al Giudice Chu Larry J



GIUMELLO2017 - FOCUS - Malamute: Winter Winner - Femmine


GIUMELLO2017 - FOCUS - Malamute: MASCHI



Giumello2017 - FOCUS - Malamute: Aftershow

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Link-Amici consigliati!